Piccadilly Circus

Cuore pulsante di Londra, Piccadilly Circus è uno dei simboli della capitale britannica, nonché una delle piazze più belle e conosciute al mondo.

Situata nel West End, centro culturale e quartiere teatrale per eccellenza, rappresenta un importante crocevia dove s’intersecano le vie più famose di Londra come la strada dello shopping Regent Street, quella dei teatri Shaftesbury Avenue, Piccadilly Street e Haymarket. La piazza funge anche da punto di collegamento fra diverse aree della città, tra cui Trafalgar Square, Soho, Chinatown e Leicester Square. Inoltre, dalla piazza in pochi minuti si possono raggiungere importanti luoghi di interesse come la National Gallery e la Royal Academy of Arts.

Creata nel 1819 su progetto dell’architetto ingelse John Nash per connettere Regent Street a Piccadilly, da cui prende il nome, in poco tempo divenne uno dei principali punti di snodo del traffico. Il nome Piccadilly deriva dai colletti rigidi chiamati “Piccadils” in uso nell’Inghilterra del 1500-1600 grazie ai quali un sarto di nome Robert Baker accumulò una immensa fortuna che gli permise di costruire un’enorme casa conosciuta come “Piccadilly Hall” in luogo dell’odierna Piccadilly.

La sua posizione centrale e la vicinanza a zone ricche di negozi e locali alla moda fanno sì che la piazza sia oggi sinonimo di intrattenimento e una delle principali zone di divertimento di Londra. A qualsiasi ora del giorno è sempre piena di gente, ma soprattutto di notte, quando il sole tramonta e i suoi mega schermi al neon iniziano a scintillare, la piazza diventa uno dei principali luoghi d’incontro per londinesi e turisti.

Piccadilly Circus è celebre in tutto il mondo per le sue insegne pubblicitarie luminose, uno degli elementi più iconici di Londra. La prima inserzione luminosa risale al 1908 e pubblicizzava Perrier mentre il cartellone luminoso più vecchio è quello della Coca Cola, apparso nel 1954 per la prima volta. A inizio 1900 tutti i palazzi erano coperti di insegne luminose, oggi ne rimangono poche e si trovano solo sul palazzo all’angolo tra Regent Street e Shaftsebury Avenue. Le luci funzionano 24 ore al giorno, 365 giorni all’anno, anche se in occasioni speciali possono essere spente come nel 1965 in occasione dei funerali di Winston Churchill e nel 1997 in segno di lutto per la morte di Lady Diana.

Al centro della piazza si trova la Shaftesbury Memorial Fountain eretta nel 1893 su progetto dello scultore inglese Alfred Gilbert per commemorare il grande filantropo vittoriano Anthony Ashley Cooper, VII conte di Shaftesbury. La fontana è sormontata dalla famosa statua di Anteros, l’arciere alato dio dell’amore disinteressato, che molti scambiano erroneamente per la statua di suo fratello Eros. La statua, la prima in alluminio mai creata, è anche conosciuta come Angel of Christian Charity ed è ormai diventata una vera e propria icona di Londra.

La piazza è circondata da imponenti edifici, tra i quali si segnalano: il London Pavillon, divenuto parte del Trocadero Entertainment Centre, uno spazio multifunzionale che offre divertimento a grandi e piccini; e il Criterion Theatre, situato all’interno di un elegante edificio storico. Per chi ama fare acquisti a pochi passi dalla piazza si trovano le principali vie dello shopping londinese.

Share your thoughts