Kensington Palace

Situato in una delle zone residenziali più esclusive di Londra, all’interno degli splendidi Kensington Gardens, Kensington Palace per molti anni è stata la dimora della famiglia reale, nel quale si sono tenuti molti degli eventi più importanti della famiglia più famosa d’Inghilterra.

Proprio dietro il palazzo c’è Kensington Palace Gardens, la strada con le residenze più lussuose e costose del mondo, anche conosciuta come Billionaires Row, la via dei miliardari. A partire dal XVII secolo il palazzo ha accolto un gran numero di esponenti della corona inglese ma è famoso soprattutto in quanto è stato la residenza della principessa di Galles, Lady Diana, dal 1981 fino alla sua sfortunata morte nel 1997: vi viveva con il principe Carlo prima della fine del loro matrimonio.

Kensington Palace è stato la dimora della famiglia reale a partire dalla regina Maria II e Guglielmo III e lo fu anche per la regina Vittoria, che qui nacque nel 1819 e in seguito conobbe il suo amatissimo principe Alberto. L’ultima sovrana a risiedere effettivamente nel palazzo fu proprio la regina Vittoria, dopo di lei la famiglia reale si trasferì a Bukingham Palace. Ancora oggi diversi membri della famiglia reale vivono nel palazzo. Oltre agli alloggi reali, Kensington Palace è anche sede di lussuose sale di rappresentanza utilizzate per le grandi occasioni.

L’originale costruzione risaliva al 1605, quando la zona di Kensington si trovava praticamente in campagna, e si chiamava Nottingham House. Nel 1689 il nuovo re Guglielmo III, sofferente d’asma, acquistò l’edificio e vi stabilì la propria residenza per fuggire l’umidità e il fumo del Whitehall Palace, situato lungo il fiume. Il rifacimento dell’edificio fu affidato all’architetto di corte Sir Christopher Wren, che ne ampliò la struttura. Negli anni ‘20 del 1700 furono aggiunte nuove parti da Giorgio I.

Per quanto ancora oggi sia una residenza reale, alcune parti di Kensington Palace sono aperte al pubblico. Di grande importanza storica, il palazzo offre uno scorcio affascinante sulle diverse epoche che ne hanno segnato il tempo e sulle vite di alcuni dei monarchi più importanti della Gran Bretagna. Visitare Kensington Palace significa fare un vero e proprio tuffo nel passato alla scoperta della storia inglese.

COSA VEDERE

KING’S STAIRCASE

Lo Scalone del re in ferro battuto progettato da Sir Christopher Wren e realizzato da Jean Tijou ha le pareti decorate da magnifici affreschi in stile veneziano di William Kent. Gli affreschi raffigurano una vivace corte settecentesca piena di personaggi intriganti e inattesi. L’artista completò i dipinti nel 1724 e sostituì i pannelli in legno che erano stati installati da Wren. Tra questi dipinti c’è anche un autoritratto dello stesso Kent, in cui indossa un turbante marrone e tiene in mano una tavolozza da pittore.

QUEEN’S STATE APARTMENTS

Tra gli appartamenti ufficiali, al piano superiore si incontrano prima gli appartamenti della regina, dove Maria II e in seguito le successive sovrane trascorrevano le loro giornate e intrattenevano gli ospiti illustri. La stanza più grande è la Queen’s Gallery, rivestita di pannelli lignei a cui sono appesi ritratti dei reali, un tempo ricca di sontuosi manufatti tra cui tappeti turchi, tendaggi in seta ricamati e porcellane orientali. Molte altre stanze più piccole sono decorate con opere d’arte e mobili del XVII secolo. Da non perdere la Queen Mary’s Bedchamber, al cui interno si può ammirare il letto ufficiale con gli arazzi originali.

KING’S STATE APARTMENTS

A differenza degli appartamenti della regina, gli appartamenti del re appaiono molto più ricchi con rifiniture di lusso, manufatti superbi e magnifici arredamenti. Al loro interno sono conservate un gran numero di sculture ed opere d’arte come i busti in terracotta di Giorgio II e sua moglie, la regina Carolina, realizzati da Michael Rysbrack nel 1738 e nel 1739. In stile italiano, le stanze presentano sui soffitti pregevoli affreschi di William Kent. Da non perdere: la King’s Drawing Room, dove si può ammirare un quadro di Cupido e Venere di Giorgio Vasari; e la magnifica Cupola Room, la stanza più splendidamente decorata dell’intero palazzo, al cui interno è custodito un orologio musicale del XVIII secolo, il “Temple of the Four Great Monarchies of the World”.

KING’S GALLERY

Progettata da William Kent per contenere i migliori quadri della Royal Collection, la King’s Gallery sembra quasi uguale a com’era nel 1725, quando fu decorata per re Giorgio I. Vi sono esposti alcuni meravigliosi capolavori, compresa quella che, a quanto pare, fu l’unica opera di soggetto classico dipinta dal pittore fiammingo Antoon Van Dyck. Sul soffitto Kent e i suoi assistenti illustrarono la storia di Ulisse, raffigurando però erroneamente i ciclopi con due occhi. Sopra al camino è posizionato un quadrante, ancora oggi funzionante, collegato ad una banderuola situata all’esterno grazie al quale il re poteva vedere in che modo il vento soffiava.

VICTORIA REVEALED

Un’ala di Kensington Palace ospita una straordinaria mostra permanente dal titolo “Victoria Revealed” dedicata alla vita privata della regina Vittoria, la sovrana più longeva del Regno Unito dopo la regina Elisabetta. Allestita nelle stanze in cui la regina è cresciuta, la mostra ripercorre le tappe principali della sua vita e del suo regno: dalla nascita al suo primo giorno da regina a soli 17 anni, fino alla grande tragedia della morte prematura del principe Alberto. Tra gli oggetti in mostra si segnalano: il libro di Sir Walter Scott che Vittoria stava leggendo al principe consorte nelle sue ultime ore; l’abito da sposa di seta avorio e pizzo e tutti i regali scambiati dai due innamorati.

SUNKEN GARDEN

Accanto al palazzo si trova il bellissimo Sunken Garden, ovvero il “giardino sommerso”, piantato nel 1908 trasformando una parte dei giardini precedentemente occupati da capannoni in un meraviglioso giardino ornamentale di proporzioni classiche. Il giardino circonda un laghetto a forma di giglio decorato con fontane formate da cisterne d’acqua del XVIII secolo recuperate dal palazzo. In primavera ed estate è un vero e proprio tripudio di fiori, in particolare da aprile a ottobre, quando mette in mostra coloratissime piante esotiche. In primavera sbocciano tulipani, violacciocche e viole del pensiero, mentre nei mesi estivi gerani, cannas, begonie e tanti altri fiori colorati. Vicino al giardino si trova The Orangery, un’antica veranda progettata nel 1704 da Vanbrugh e Hawksmoor, oggi caffetteria, dove si può gustare un delizioso tè inglese.

Se volete fare un tuffo nel passato alla scoperta della storia dei reali d’Inghilterra non potete assolutamente fare a meno di visitare questo affascinante palazzo.

Share your thoughts